RITENZIONE IDRICA O CELLULITE??
RITENZIONE IDRICA O CELLULITE?? App Your Body -
Marco Angelini Personal Trainer

Molte spesso si usano questi termini in modo errato, come se fossero la stessa cosa. Ma non è così. Ecco le differenze dei problemi che affliggono l’universo femminile.

- RITENZIONE IDRICA. È la tendenza ad accumulare liquidi in eccesso tra le cellule a causa di un malfunzionamento del sistema venoso e linfatico. Infatti, all’origine della ritenzione idrica vi è proprio uno squilibrio tra la quantità di potassio che si trova all’interno delle cellule e la quantità di sodio, che invece sta all’esterno di esso.

In una condizione fisica di salute, la proporzione tra questi due sali dovrebbe essere simile per permettere gli scambi necessari all’organismo e la ritenzione idrica è proprio causata da uno squilibrio di questi due sali, precisamente da un aumento della quantità di sodio, che induce l’organismo a trattenere una maggiore quantità di acqua per ottenere una diluizione normale. Tutto questo molto spesso determina la presenza di edema con conseguente rigonfiamento. Può trovarsi in diverse parti del corpo ma che nella maggior parte dei casi è localizzata su glutei, cosce e addome (le stesse zone dove è facile accumulare grasso). Se si soffre di ritenzione idrica, quando si preme con le dita la parte interessata si forma un piccolo alone bianco che di solito scompare dopo pochi secondi.

CAUSE: Cattiva alimentazione, stile di vita sedentario, malattie cardiache, malattie renali, infiammazioni, reazioni allergiche, sovrappeso, gravidanza, assunzione della pillola anticoncezionale e variazioni ormonali.

- CELLULITE. È una infiammazione dei tessuti sottocutanei  che si estende anche alla rete capillare sanguigna e linfatica. A differenza della ritenzione idrica, la cellulite non corrisponde solo all’accumulo di liquidi interstiziali, ma anche all’aumento di volume del tessuto adiposo.

Esistono tre differenti tipologie di cellulite a seconda del loro stadio di avanzamento:
STADIO 1 - CELLULITE EDEMATOSA - i classici segni della “buccia d’arancia” si notano solamente se andiamo a “pinzare” la pelle della zona interessata con le dita; 

STADIO 2 - CELLULITE FIBROSA - in questa fase la pelle se stretta con le dita, appare ricca di noduli duri molto evidenti. Si presenta inoltre molto fredda e dolente al tatto.

STADIO 3 - CELLULITE SCLEROTICA - le zone interessate sono visibilmente alterate, ricche di noduli e molto dolenti.

CAUSE: Una scorretta e ridotta microcircolazione sanguigna e linfatica, sovrappeso e grasso in eccesso, fattori genetici o ormonali, stress, cattivo funzionamento dell’apparato digerente e scorretta alimentazione.

Sebbene non esista un rimedio miracoloso in grado far sparire convessità e ruvidezze epidermiche, la cellulite e la ritenzione idrica possono essere quantomeno alleviate. Scopriremo come nei prossimi articoli.