OSSESSIONATA DALLE CALORIE???
OSSESSIONATA DALLE CALORIE??? App Your Body -
Marco Angelini Personal Trainer

E’ innegabile, ognuna di noi, chi prima chi dopo, si è soffermata a guardare nel proprio piatto chiedendosi quante calorie avesse mai il suo contenuto. 

Ma tra il domandarselo e il mangiarlo magari è passato solo un battito di ciglia, a volte seguito dai sensi di colpa, è vero, ma da rinviare ad un giorno lontano.
Eppure ci sono anche molte di noi che quel pensiero l’hanno reso un’ossessione… e contano e calcolano e stimano… fino a convincersi ed imporsi di non ingerire nulla.

Ciò che introduciamo con l’alimentazione serve a nutrire ogni parte del nostro corpo e ad assicurare il regolare svolgersi di tutti i processi metabolici, è indispensabile quindi soddisfare il nostro fabbisogno energetico ogni singolo giorno.
Su questo siamo preparatissimi: mangiamo troppo e ingrassiamo, mangiamo troppo poco e dimagriamo.
Ciò che magari prendiamo sotto gamba è la qualità delle calorie che stiamo apportando al nostro organismo: 100kcal fornite dallo strutto non possono certo essere uguali a 100Kcal acquisite con la digestione di frutta e verdura.
E questo vale per tutti gli alimenti che decidiamo di consumare: ognuno ha una sua percentuale di nutrienti (carboidrati, proteine, grassi) che incide positivamente o negativamente sul nostro metabolismo anche in base all’orario o all’attività che andremo ad eseguire a ridosso del pasto.

Facciamo un esempio pratico: gli zuccheri complessi vengono rilasciati gradualmente nel sangue solo dopo essere stati disgregati nelle unità di base, mentre gli zuccheri semplici, come dice il nome stesso, non hanno bisogno di conversioni chimiche e vengono immessi subito nel torrente ematico, influenzando nell’immediato l’andamento glicemico.
Se decidessi di consumare 100Kcal fornite dagli zuccheri semplici della frutta alla fine di un pasto, quando la glicemia si è già innalzata per ciò che ho consumato fino a quel momento, provocherei un ulteriore picco glicemico.
E poi, come in un domino, l’aumento della glicemia porterebbe ad un aumento della produzione di insulina (ormone responsabile dell’entrata del glucosio nelle cellule) e alla trasformazione in tessuto adiposo di tutto il glucosio in eccesso. In sintesi “ingrasserei” perché in quel momento risulterebbero superflue.
Ma nel caso avessi appena eseguito un allenamento intenso, quegli stessi zuccheri andrebbero a ricaricare le mie scorte di glicogeno appena esaurite, ed eviterebbero così che il mio muscolo possa venir utilizzato come riserva energetica, andando a vanificare l’allenamento volto a sviluppare la muscolatura.

L’effetto delle calorie ingerite quindi cambia in rapporto alla loro qualità e ai momenti della giornata in cui vengono consumate.
Il contenuto calorico del pasto di per sé non conta nulla se non viene contestualizzato. Quelle stesse 100Kcal infatti potrebbero essere necessarie o superflue, nell’arco della stessa giornata, a seconda dell’orario e delle attività che andremo a svolgere.

App Your Body è un Team di Nutrizionisti e Personal Trainer qualificati, che offre programmi nutrizionali e allenamenti personalizzati. Scopri i servizi: